Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Una vita tra vocabolari e grammatiche. Quella di Luigi Mantovani, un "uomo di parola"

Data:

31/10/2018


Una vita tra vocabolari e grammatiche. Quella di Luigi Mantovani, un

La XVIII edizione della Settimana della Lingua e della Cultura Italiana in Georgia si è idealmente conclusa con una serata eccezionale dedicata alla proiezione del film "L’uomo di parola", diretto da Lela Beridze e realizzato con il contributo finanziario dell’Ambasciata d’Italia. La sala della "Casa del Cinema" di Tbilisi, non bastava a contenere il foltissimo pubblico accolto lo scorso 29 ottobre, in occasione della proiezione del lungometraggio in omaggio a Luigi Mantovani.

Missionario cattolico di 87 anni, a Kutaisi da 20, Don Luigi era presente e ha ricevuto il caloroso applauso degli spettatori e amici. "Don Luigi ha seguito le orme dei missionari teatini che nel XVII secolo crearono il dizionario italiano-georgiano, primo libro stampato in georgiano, e una grammatica. Mantovani ha consacrato la sua vita ad una scrupolosa e appassionata ricerca della parola giusta. Ecco perché il titolo del film è pienamente centrato. Ed evoca più significati: l’amante delle parole, il testimone della Parola con la P maiuscola, ma anche la persona seria, che mantiene gli impegni", ha commentato l’Ambasciatore Antonio Bartoli nel suo intervento introduttivo. Hanno presentato il film anche Nana Machavariani e Keti Pataraia.

Un tributo meritatissimo a Don Luigi che, come ha ricordato la regista, ha giocato "con le parole come fossero mattonino di un ‘lego’ linguistico". Mattoni preziosi con cui costruire un ponte tra due popoli e due culture.

Grazie dunque al bellissimo racconto che la brava Lela Beridze ha saputo regalarci. Il racconto di una vita spesa nel culto delle parole, al servizio del dialogo.


10


Luogo:

Tbilisi

1088